martedì 4 settembre 2012

Paccheri ripieni indorati e fritti

Paccheri ripieni indorati e fritti

Nella nostra tradizione napoletana il pacchero, detto anche schiaffone e' un tipo di pasta, tipicamente di semola di grano duro, di pezzatura piuttosto grande che si presta ottimamente ad essere imbottito.
Nelle famiglie partenopee spesso si trova sulla tavola della domenica condito da un'ottimo ragù napoletano, ma è buonissimo anche con il sugo di pesce.
Per questa preparazione ho preferito il pacchero fresco perchè più adatto ad essere fritto.
La ricetta che ho sperimentato e' molto piaciuta ai commensali ed e' ottima sia da presentare impiattata che come finger food in un buffet.
Bisogna solo armarsi di santa pazienza perche', per gustarla al meglio, va' fritta al momento o poco prima e tenuta in caldo, ma servita comunque su un sugo bello caldo.

Ingredienti

  •   25     paccheri freschi   
  • 600 g  di ricotta di bufala
  • 200 g  di provola asciutta
  • 2        cucchiai di pecorino grattugiato
  • 3-4     uova
  • 400 g  di pomodori datterino
  •            sale, aglio, olio e.v.o, basilico q.b.         

Procedimento


Lessare il paccheri per un pio di minuti in acqua con l'aggiunta di un filo d'olio, colarli e metterli in piedi su uno telo da cucina.


In una ciotola mischiare bene la ricotta, la provola frullata grossolanamente, il pecorino grattugiato e il pepe.
Con la sach poche riempire i paccheri e passarli prima nell'uovo sbattuto con sale e pepe e poi nel pangrattato.

Friggerli in olio profondo, io ho usato il wok friggendone 5 per volta.

Intanto preparare un sughetto con i pomodorini tagliati a metà e cotti a fiamma vivace per pochi minuti,devono quasi friggere con abbondante olio e uno spicchio d'aglio.

Mettere il sugo come fondo della pasta e guarnire con basilico spezzettato.

14 commenti:

  1. Sembrano, e lo sono sicuramente, favolosi!! Ma se qui i paccheri freschi non li trovo, posso provare con gli altri secondo te?
    Ciao Antonia!

    RispondiElimina
  2. ...e anche questi sono da provare, assolutamente!!!! :-)

    RispondiElimina
  3. Ma sono fantastici! Questi me li segno, che quando viene un mio amico goloso li faccio... Anche abbondanti. Ciao!

    RispondiElimina
  4. Questi paccheri me li preparò Antonia in persona :P
    E' incredibile, ma fritti da lei restano leggeri

    RispondiElimina
  5. Ciao! bello il tuo blog, ricco di ricette e spunti creativi!
    Mi unisco fra i tuoi sostenitori per non perdermi le tue prossime realizzazioni!
    Ti aspetto da me, se ti va, per condividere tante nuove idee culinarie!
    A presto!

    RispondiElimina
  6. Questa mi mancava! Sei sempre una grande ispiratrice!!!
    :)))

    RispondiElimina
  7. @ Maritè,puoi usare anche quelli secchi facendoli cuocere per il tempo di cottura indicato sulla confezione,devono essere morbidi.
    @ Assunta te li consiglio.
    @ Zuppa falli prima per te.
    @ Maria bisogna friggerli in olio profondo.
    @ Squisito grazie,ti unisco sicuramente.
    @ Piero ti mancano anche altre.

    RispondiElimina
  8. i paccheri ripieni e fritti stanno diventando un classico, più che graditi!

    RispondiElimina
  9. Brava!!!! questa ricetta mi piace davvero tanto mi vien voglia di mangiarli con gli occhi!!!! assolutamente voglio far parte dei tuoi sostenitori!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Antonia sei sublime non c'è che dire amo le tue ricette e le presenti con semplicità e gusto

    RispondiElimina
  11. Antonia che bello leggerti in un blog tutto tuo. Ti seguo da tempo anche attraverso i blog dei mitici Tinuccia, Paoletta, Adriano, Teresa, zio Piero che sempre hanno dedicato uno spazio alle tue fantastiche ricette. Un grandissimo in bocca al lupo e....grazie!

    RispondiElimina
  12. @ Grazie a tutti,mi siete davvero di sostegno.

    RispondiElimina
  13. Ma che fame che mi hai fatto venire,comlimentissimi!! se potessi li tirerei fuori dallo schermo;0p

    RispondiElimina
  14. sonia alessendra19 settembre 2013 13:09

    Fantastica ricetta.

    RispondiElimina

Translate

I miei amici