domenica 13 gennaio 2013

Il migliaccio

il migliaccio


Il migliaccio è un dolce tipico campano del periodo di carnevale insieme alle chiacchiere e al sanguinaccio. Ricorda nel profumo e nel sapore il ripieno delle sfogliatelle e come tutti i dolci della tradizione ogni famiglia ha la sua ricetta, questa è quella di casa mia.


Ingredienti


Prima parte degli ingredienti

  • 125   g di semola
  • 1/2    lt di latte intero
  • 500   g di ricotta ( io uso quella di fuscella perchè più morbida) 
  • 350   g. di zucchero 
  •     4   uova 
  •  30    g di burro 
  • la buccia di un limone e di un'arancia non trattati
  • 1/2 tazzina di limoncello
  • cedro candito  a cubetti q.b.
  • 1 fialetta di aroma fior d'arancia
  • un pizzico di sale



Procedimento


Portare a bollore il latte con il burro, la buccia di limone e un pizzico di sale, unire la semola e mescolare fino a quando assorbe tutto il latte.
Togliere dal fuoco e unire subito lo zucchero mischiando fino a quando si scioglie completamente e lasciare raffreddare.
Aggiungere la ricotta, mischiare e passare tutto al passaverdure (lo trovo più comodo e più veloce del setaccio), aggiungere un uovo per volta e tutti gli aromi compresa la buccia d'arancia grattugiata.
Imburrare e infarinare una teglia e cuocere a 180° per 40-50 minuti fino a quando non risulta dorato. Alla fine deve risultate umido e granuloso. Lasciare raffreddare nel forno aperto.
Completare con una spolverata di zucchero a velo.
Il migliaccio va mangiato dopo almeno 12 ore di riposo. 
Con questa dose ho usato una teglia di 26 cm.






7 commenti:

  1. Ciao Antonia, in toscana si chiamano migliacci dei dolci fatti come le crepes ... questa invece è una torta! Molto interessante, non la conoscevo!!!
    Passa da me, ho pubblicato una mia intervista a Fabio Picchi del Cibreo!
    http://architettandoincucina.blogspot.it/2013/01/1-appunti-di-toscana-fabio-picchi.html

    RispondiElimina
  2. Un dolce tradizionale, pieno di sapori delicati.

    RispondiElimina
  3. Ma ci va la semola o il semolino? SAi che nella ricetta che ho io (provenienza Napoli, se no non mi permetterei..) C'è la farina di mais e niente ricotta? Ti risulta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia proprio la semola, non conosco la ricetta che descrivi tu. ciao

      Elimina
  4. Complimenti semplice da fare e buonissimo .Ottimo sostituto per la pastiera

    RispondiElimina

I miei amici