La scazzetta del vescovo



la scazzetta del vescovo 




Questa torta nasce a Salerno nella pasticceria Pantaleone e ripresa in seguito da tanti pasticceri e anche da Sal De Riso, la scazzetta indica in campania  il copricapo arrotondato dei vescovi, quella  specie di calottina  di  colore rosso che indossano i vescovi. Io ho preso spunto dalla ricetta di De Riso dal libro I Dolci Del Sole apportando un po' modifiche. Riporto la ricetta eseguita da me  


Ingredienti per una teglia di cm 26 svasata


Pan di Spagna:

7 uova 
300 g di zucchero 
350 g di farina 
un pizzico di sale 


Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio ( 18-20 minuti ). Unire delicatamente a mano la farina setacciata ,con movimenti circolari dal basso verso l’alto ( io mischio con la mano). Versare il composto nello stampo imburrato e infarinato, battere la teglia per far fuoriuscire eventuali bolle d’aria. Cuocere in forno a 180 ° per circa 20' o finché non si sta
ccherà dalle pareti.


Crema chantilly

500 g di latte fresco intero  
200 g di zucchero 
6    tuorli  
70  g di farina  
1 bacca di vaniglia 
1 buccia di limone 

più 250 g di panna montata

Portare ad ebollizione il latte con la vaniglia e la buccia di limone. A parte sbattere i tuorli con lo  zucchero, quindi aggiungere la farina e sempre sbattendo aggiungere il latte e cuocere il tempo necessario per addensare la crema. Io cuocio a bagnomaria. Lasciare raffreddare coprendo la crema con la pellicola alimentare a contatto con la crema. Una volta raffreddata aggiungere delicatamente la panna. Per unire bene le due masse prendere una cucchiaiata di crema e aggiungere un po' di panna e mischiare bene, aggiungere ancora un po' di crema e altra panna, unire alla fine tutto insieme e mischiare delicatamente.


Bagna alla Strega :

350 acqua 
125 zucchero 
100 liquore Strega

Lasciar bollire per cinque minuti lo sciroppo di acqua e zucchero. Raffreddare il tutto.
Aggiungere lo strega


Glassa alle fragole

500 fragole
250 zucchero a velo 
10 pectina (facoltativa)
15 gelatina
2 cucchiai di panna 
poche gocce di limone 

Frullare le fragole con lo zucchero e la pectina, miscelare e portare ad ebollizione per 3 minuti. Aggiungere il succo di limone e cuocere per 30 secondi, unire la panna. Terminare con la gelatina ammollata in acqua e strizzata. Conservare in frigo meglio se tutta la notte.

occorrono inoltre 200 g di fragoline
Assemblaggio:

Tagliare il pan di Spagna in due strati. Montare il dolce alternando il pan di Spagna inzuppato e la crema pasticcera cosparse di fragoline. Raffreddare in frezeer. Sformare, glassare con la glassa riscaldata e portata a temperatura ambiente, decorare con fragoline intere. Mettere in frigo fino ad un paio d'ore prima di servirla per farla scongelare.

Commenti

  1. Antonia che meraviglia! Non la conoscevo questa torta e mi attira moltissimo grazie per averla condivisa.complimenti per il tuo blog molto bello davvero. Ti seguirò con molto piacere. Un caro saluto. Giuliana

    RispondiElimina
  2. E' semplicemente, perfetta! Te lo dice una salernitana doc ;-)
    Complimenti.

    RispondiElimina
  3. Profumo di mare4 aprile 2013 14:52

    Antonia,Antonia,Antonia...
    mia 'croce e delizia'!
    Adoro questo dolce!

    RispondiElimina
  4. sei veramente brava, mamma che bontà!
    La farò quanto prima!
    Simone

    RispondiElimina
  5. Ricordo questo dolce da gennarino. Sembra buonissimo e si presenta sulla foto proprio cosi'. Grazie per la ricetta. Cercerò a riprodurla :-)

    RispondiElimina
  6. Bellissima!! Se vuoi ti invito a partecipare alla raccolta "Torte di compleanno"
    http://dolciricette.blogspot.it/2013/04/torte-di-compleanno-raccolta-ricette.html


    Ti aspetto :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Antonia io sono Salvatore, complimenti per il tuo blog! molto bello ed interessante. ho realizzato l'altro ieri la scazzetta secondo la tua ricetta...benissimo..ottimo! ho avuto solo un problema: non disponendo di teglia svasata ho cotto il pan di spagna in teglia normale 26 cm con forno già testato e affidabile etc...il problema è che al raffreddamento il pan di spagna mi si è leggermente afflosciato al centro mantenendo una specie di bordo all'esterno. durante la cottura era gonfio quasi come un panettone! al taglio era perfetto, morbido, alveolato in maniera regolare etc...cosa pensi, dove posso aver sbagliato? grazie per l'attenzione!

    RispondiElimina

Posta un commento