lunedì 24 luglio 2017

Vermicelli cotti in acqua di peperoni arrostiti e alici di cetara


vermicelli cotti in acqua di peperoni arrostiti e alici di cetara




La ricetta è di Cristina Bowerman
Ho avuto il piacere di conoscere questa grande chef alle Strade della Mozzarella e rimasi stupita dai suoi piatti. Ho trovato questa sua ricetta sulla rivista Alice in cucina ed è stato amore a prima vista. Mi incuriosiva molto la cottura della pasta nell'acqua dei peperoni, ortaggio che adoro e l'ho subito replicata. Mi sono permessa di apportare qualche modifica all'originale sia per un mio gusto personale ma anche perchè come sempre credo non basti eseguire una ricetta pari pari  ma bisogna sentirla, andare un po' ad istinto e farsi guidare "dalle mani" ed io questo piatto l'ho sentito da subito.  Ho scelto come formato di pasta i vermicelli che preferisco alle linguine previste nella ricetta originale ed ho cambiato qualcosa nell'esecuzione. E' una preparazione forse un po' lunga ma la maggior parte del lavoro lo fa il forno, comunque vale la pena. Il risultato è un piatto faoloso che vi consiglio di provare. Riporto la ricetta originale con acconto in parentesi le mie modifiche.



Ingredienti per quattr persone


  • 340  g di linguine                  ( 400 g di vermicelli)
  • 8      peperoni rossi                ( 7 grandi ) 
  • 1      spicchio d'aglio 
  • 1      mazzetto di coriandolo   ( basilico )
  • 20    alici di Cetaroa sott'olio  ( 12 alici grandi )
  • olio evo q.b.
  • sale        q.b.
  • pinoli un cucchiaio                  ( mia aggiunta )

 

 

 

 Procedimento


Lavate i peperoni, sistematene 7 (io 6 ) in una teglia e conditeli con un filo d'olio. Infornate a 170° e fateli arrostore.
Quindi sfornateli e metteteli a scolare raccogliendo il loro succo. ( ho messo una garza nella scolapasta appoggiata in una ciotola).
Prendete 1 peperone (io 2, gli altri 4 utilizzateli per un'altra preparazione ), spellatelo, eliminate semi e coste bianche interne e frullatelo con un filo d'olio e un pizzico di sale ( ho aggiunto anche 2 filetti di acciughe ). Tenete da parte la purea ottenuta.
Arrostite sulla fiamma l'ultimo peperone rimasto. Trasferitelo in una teglia e fatelo essiccare a 60° per circa 7-8 ore. ( la ricetta non lo specificava, io l'ho pulito e ricavato 3 falde e cotto a 80° ). Una volta secco riducetelo in polvere.
Lessare la pasta in acqua salata per 4-5°.
Intanto fate rosolare l'aglio in una padella con l'olio. Aggiungete l'acqua dei peperoni e fate ridurre di un terzo. ( ho aggiunto nell'olio 6 acciughe e fatte sciogliere ). Scolate la pasta, versatela in padella e continuando la cottura aggiungendo se necessario l'acqua di cottura della pasta.
Aggiungete infine le alici e foglioline di coriandolo ( io il resto delle alici a pezzetti e foglioline piccole di basilico.
Completato il piatto con la polvere di peperone e un po' di purea. ( messo anche pinoli tostati )








4 commenti:

I miei amici